Le ricerche scientifiche sulla riprogrammazione delle cellule tumorali

pubblicazioni internazionali

Per facilitare il reperimento di questi testi, segnaliamo ai pazienti ed ai medici interessati, uno stralcio dei lavori che vertono sui fattori di differenziazione embrionale e ricerche affini, che abbiamo ritenuto scientificamente corretti e degni di consultazione.

 

Per ogni lavoro è citato il titolo originale con gli autori, la rivista, la traduzione del titolo in italiano ed un breve riferimento del contenuto dell’articolo. Chi volesse approfondire maggiormente può cliccare sul tasto “leggi di più” e visualizzare un riassunto più ampio e la prima pagina dell’articolo originale. ( Di più non possiamo riportare per non violare i diritti degli editori)

Articoli originali

Traduzione e sintesi dei contenuti

La riprogrammazione delle cellule metastatiche di tumori del microambiente embrionale Questo studio è stato pubblicato su Nature, una delle riviste più importanti al mondo in campo scientifico. Più una rivista è importante più è difficile pubblicare delle ricerche perché queste vengono poste al vaglio di un severo gruppo di revisori che verificano l’importanza e la serietà del lavoro scientifico.

Leggi di più »

Il ruolo delle cellule neuroendocrine nel cancro della prostata. Una rivisitazione dell’attuale letteratura ed un conseguente razionale per ampliare ed integrare le modalità del trattamento corrente Questo articolo è molto importante perché tra i suoi autori c’è Richard Ablin, famoso per aver scoperto il PSA. E’ uno dei massimi esperti al mondo di prostata e tumore alla prostata. Il tumore della prostata è il più comune tumore solido in Europa ed il 95% dei casi è un adenocarcinoma acinoso.

Leggi di più »

Tumore e differenziazione: un modello per spiegare la malignità Negli embrioni la crescita dei tumori viene fermata o rallentata da proteine, chiamate fattori di differenziazione staminale, presenti durante il processo di formazione degli organi. Questi fattori sono presenti sia nell’utero dei mammiferi che negli embrioni degli ovipari ed intervengono per proteggere gli embrioni da errori di trascrizione del DNA.

Leggi di più »

Fattori di differenziazione embrionale con proprietà antitumorali: risultati clinici preliminari nella terapia di tumori avanzati Esperimenti su animali hanno dimostrato che fattori di regolazione possono fermare o rallentare la crescita dei tumori. Questi fattori sono presenti negli embrioni di ovipari o nell’utero gravido dei mammiferi quando nell’embrione si differenziano i vari tessuti.

Leggi di più »

Proteine embrionali che inducono apoptosi mostrano attività antitumorali in Vitro ed in Vivo Quando una cellula si ammala e non è più in grado di guarire attiva un meccanismo che la porta al suicidio, si chiama apoptosi. Nelle cellule tumorali oltre ad altri guasti si è guastato anche questo meccanismo e le cellule che dovrebbero andare in apoptosi continuano a moltiplicarsi senza controllo.

Leggi di più »

Alcune proteine embrionali di Zebrafish inducono apoptosi nelle cellule del cancro al colon umane (caco2) Studi preliminari hanno dimostrato come alcune proteine estratte dagli embrioni di Zebrafish, un particolare tipo di pesce, siano in grado di bloccare la moltiplicazione delle cellule tumorali. Questo studio vuole sviscerare le proprietà biologiche di queste proteine.

Leggi di più »

Destino delle cellule di melanoma umano maligno trapiantate in embrione di Zebrafish: valutazione della migrazione e della divisione cellulare in assenza della formazione di tumore Alcune cellule di melanomi aggressivi esprimono anche geni caratteristici di altri tipi di cellule incluse le endoteliali, nervose e staminali e dimostrano quindi differenziate. E’ stata impostata una ricerca per verificare se il modello di zebrafish fosse funzionale per studiare questi tumori e le loro interazioni con il microambiente embrionale.

Leggi di più »

Il campo morfogenetico embrionale induce reversione fenotipica nelle cellule cancerose Quando si impiantano delle cellule tumorali in un embrione in via di sviluppo si osserva una spontanea correzione della cellula tumorale o una sua eliminazione tramite “suicidio cellulare”. È noto ormai che le cellule tumorali hanno molti aspetti in comune con il comportamento delle cellule embrionali.

Leggi di più »

Curve di crescita di linee cellulari di diversi tumori umani dopo trattamento in vitro con estratti di embrioni di Zebrafish. Sono state trattate in vitro con estratto di embrioni di Zebrafish cinque linee cellulari di tumori umani (glioblastoma, melanoma, adenocarcinoma del rene, del polmone e della leucemia linfoblastica). Ogni linea ha dimostrato un calo dello sviluppo cellulare conseguente al trattamento con l’estratto di embrioni di Zebrafish.

Leggi di più »

Un approccio sistemico al trattamento del cancro. La riprogrammazione delle cellule tumorali focalizzata sui tumori endocrini. Il termine “riprogrammazione delle cellule tumorali” è usato per definire la trasformazione delle cellule tumorali in cellule normali completamente differenziate. Le ipotesi che le cellule tumorali possano essere corrette da fattori di differenziazione staminale sono basate sull’evidenza che lo sviluppo del tumore è soppresso dal microambiente embrionale.

Leggi di più »

Lo stato dell’arte del modello Zebrafish per la ricerca tossicologica e tossico patologica. Vantaggi – limiti allo stato attuale. Lo Zebrafish è ora il principale modello per chiarire i ruoli di specifici geni e del loro sviluppo nei vertebrati. La conoscenza degli storici database riguardanti la biologia e la tossicologia, e la ricca conoscenza dei geni e del genoma dello Zebrafish, fa di questo pesce il modello classico per studiare i meccanismi della tossicità.

Leggi di più »

Riprogrammazione delle cellule cancerose: fattori di differenziazione delle cellule staminali e modello operativo per ottimizzare il trattamento del cancro. La recente ricerca ha indotto gli scienziati a riconoscere il ruolo centrale giocato dalle cellule staminali cancerose a sostegno della malignità e della chemio resistenza. Secondo un recente modello di cancro le cellule tumorali sono come cellule embrionali indifferenziate ed i fattori di differenziazione influiscono sulla loro crescita.

Leggi di più »

Analisi proteomica del profilo proteico durante l’iniziale sviluppo dello zebrafish (Danio rerio). In questo studio si esamina il profilo delle proteine che si esprimono all’inizio dello sviluppo dell’embrione di Zebrafish che sta diventando il modello standard per studiare lo sviluppo dei vertebrati e le malattie dell’uomo per la stretta similitudine biologica tra lo Zebrafish e l’uomo.

Leggi di più »

I fattori regolatori embrionali e materni come terapie palliative in tumori solidi avanzati. Ricerche precedenti su animali e sull’uomo hanno evidenziato come fattori regolatori embrionali siano in grado di inibire la crescita dei tumori e migliorare il performance status (benessere) o la sopravvivenza in malati gravi di cancro. Sono state estratte dagli embrioni di pesce una serie di queste proteine regolatorie proprio durante i processi di differenziazione.

Leggi di più »

Gli Embrioni di Xenopus Laevis condividono gli antigeni con gli embrioni di Zebrafish e con le neoplasie maligne umane. In questo studio si evidenzia come gli embrioni della rana Xenopus laevis condividono gli antigeni con gli embrioni di Zebrafish. Questi antigeni sono condivisi da differenti specie di embrione e sono anche ri-espressi in differenti tumori umani.

Leggi di più »

Trattamento di carcinoma epatocellulare intermedio-avanzato con fattori di differenziazione delle cellule staminali: uno studio clinico randomizzato in aperto. L’epatocarcinoma è in crescita e rappresenta la terza causa di morte per tumori. Sono stati presi in esame casi avanzati di tumore trattati con fattori di differenziazione staminale prelevati da embrioni di pesce Zerafish.

Leggi di più »

Scarica questo materiale e parlane con il tuo medico

Copyright Oncovita 2017