Il virus Zika: potrebbe essere un valido alleato contro il tumore al cervello

20 settembre 2017
Il virus Zika: potrebbe essere un valido alleato contro il tumore al cervello

Il virus Zika potrebbe essere utilizzato per eliminare le cellule staminali che resistono alla chemio e alla radioterapia alimentando il glioblastoma, la forma più comune di tumore al cervello.

Questo è ciò che è emerso da uno studio pubblicato sul Journal of Experimental Medicine ed effettuato dai ricercatori dell’Università di Washington a Saint Louis e dell’Università della California a San Diego

Il virus Zika: da minaccia per la salute a promessa contro il tumore

Il virus Zika si trasforma da minaccia per la salute ad una promessa per combattere il tumore al cervello. Grazie alla sua capacità di uccidere le cellule progenitrici dei neuroni può infatti eliminare le cellule staminali che resistono a chemio e radioterapia che alimentano il glioblastoma.

Lo studio ed i risultati

Lo studio è stato effettuato in provetta su cellule prelevate dai pazienti: il virus Zika ha dimostrato colpire in modo preferenziale le staminali del glioblastoma piuttosto che le cellule sane o le altre cellule dello stesso tumore. Iniettato in topi malati, il virus ha rallentato la progressione del glioblastoma aumentando la sopravvivenza.

Le considerazioni

IL Dottor Milan Chheda dell’Università di Washington spiega il motivo per il quale hanno effettuato questa sperimentazione. Afferma infatti quanto sia frustrante il ritorno del tumore nei pazienti che hanno subito un trattamento molto aggressivo, come la chemioterapia. Partendo da questo, insieme al suo team si sono chiesti se in natura potesse esistere un’arma per colpire le cellule principali responsabili delle recidive.

L’ipotesi

È stato dunque ipotizzato il virus Zika, in quanto la sua predizione per le cellule progenitrici neurali può essere usata contro le staminali del glioblastoma, aggiunge Michael Diamond, ricercatore.

Nel futuro

Sono necessari ulteriori studi per confermare la capacità del virus Zika senza effetti collaterali in modo tale che possa in futuro potenziare le terapie tradizionali.

 

Fonte:

Saluteuropa